Il nome "A Zeza" deriva da un'antica usanza della Napoli Borbonica e della nostra Penisola Sorrentina nel periodo carnevalesco che consisteva in una bizzarra rappresentazione che si rappresentava nei cortili dei palazzi, nelle strade, nelle osterie, nelle piazze, senza palco alla luce di torce a vento ad opera di attori occasionali che si facevano annunciare a suono di tamburo o di fischietto e che aveva come personaggi Pulcinella, sua moglie Lucrezia (il cui diminutivo era Zeza), la loro figlia Tolla, e Don Nicola (suo futuro marito). La Zeza rappresentava la storia delle nozze tra Don Nicola e Tolla contrastate da Pulcinella, che teme di essere disonorato ed è inconsciamente geloso, e sostenute da Zeza che vuol far divertire la figlia. Pulcinella sorprende gli innamorati e reagisce violentemente ma viene punito e costretto a rassegnarsi da Don Nicola.

Quest'usanza cessò agli inizi del nostro secolo anche perchè dalla metà dell'ottocento la sua rappresentazione fu vietata nelle piazze per le mordaci allusioni e per le parole troppo licenziose.

In penisola il corteo dei commedianti partiva da Meta, e dopo aver fatto tappa in vari punti, giungeva nella Piazza del Castello a Sorrento, l'attuale Piazza Tasso. Il corteo era preceduto dal suono della tofa, una grossa conchiglia forata all'estremità che emetteva un suono penetrante. Altra particolarità era che il nostro Pulcinella non indossava la maschera e il coppolone ma un lungo cono di cartone rivestito di coriandoli. 

Foto antica della Zeza a Meta
Foto antica della Zeza a Meta
Canzone di Zeza
Nuova Compagnia di Canto Popolare
13 La canzone di zeza.mp3
File audio MP3 5.7 MB

 

INTRODUZIONE

(cantando dietro le quinte)

Uagliù stet’uattent

Almen’ ‘n mument’

ulém raccuntà ‘na storia bella

‘na storia bella.

A stu Pull’c’nella,

fessone scurnacchiato

v’det’ che cacch’è cap’tat’

è cap’tat’.

P’ Zeza e V’c’nzella,

s’ n’n s’ stev’attent’,

pigliava ‘mmez’all’inguine un fendente,

un gran fendente.

Ma po’, com’ succed’,

in casa e ‘mmez’ a via,

tutt’ f’nisc’ in gloria e così sia

e così sia

VOCE

Iamm’ ià. Abbiàm o c’n iàm?

PULCINELLA

Zeza, Zè chij mo escu,

statt’attent’ a sta figliola,

tu che ssì mamma dagl’ ‘na bbona scola

‘na bbona scola.

Sta figlia n’n f’ascì,

n’n a fa pratt’cà,

ca chell’ che n’n sap’ po’ ‘mbarà

s’ po’ ‘mbarà.

ZEZA

Tu n’n p’nsà a chess’,

marit’ begl mij,

ca sta figliola agg’ cr’sciuta ij

cr’sciuta ij.

I’ semp’ agg’ saput’:

‘na femm’n ‘unurata

è cchiù d’n’ t’sor assai st’mata

assai st’mata.

PULCINELLA

Sarrà com’ tu dic’,

pensa che so unurat’,

n’n fa che torn’a casa scurnacchiat’

scurnacchiat’.

ZEZA

(a Pulcinella che si allontana)

Si pazz’ si tu crid

c’aggia t’né n’z’rrata

sta pov’ra figliola sfurtunata

sfurtunata.

Scena seconda

VICENZELLA

(entrando)

Uè mà, uè mà che veu,

mo ven Donn’cola,

st’ascenn tutt’ ngiugg’l’ d’à scola

ah! Donn’cola.

Scena terza

DON NICOLA

(entrando)

Chiedo scusa, mia signora,

è notte, ma che fare?

Il fitto son venuto ad incassare

ad incassare.

ZEZA

Mio caro Don Nicola,

ma chessa n’n è l’ora

d’ turm’ntà sta pov’ra sìgnora

e che signora!

DON NICOLA

Lo so non è il momento

chiedere il vil quattrino

però se non incasso mi rovino

io mi rovino.

ZEZA

Ma car’ Donn’cola,

Ij tìi uless dà:

n’n teng manc’ gl’occh’ a m’c’cà

a’ m’ c’cà.

Mo chiam’ V’c’nzella,

a bella p’rchiacchella,

t’ fa cunosc’ ‘a vita quant’è bella

oh, quant’è bella!

(esce e chiama Vicenzella)

DON NICOLA

Che occasione bella

parlar con questa stella

con la sciasciona mia Vicenzella

ah Vicenzella!

Scena quarta

VICENZELLA

(entrando)

Che onore è mai questo

la vostra signoria,

l’illustre Don Nicola in casa mia

in casa mia.

DON NICOLA

Mia cara Vicenzella

lo so ch’è un dispiacere

ma il fitto da tua madre devo avere

sì, devo avere.

VICENZELLA

Esimio Don Nicola,

io sono desolata,

ma state in una casa sfasulata

sì, sfasulata.

DON NICOLA

Allora a questo punto,

mia dolce Vicenzella,

permetti che ti metta una manella

una manella.

VICENZELLA

Io faccio affidamento

su voi, uomo d’onore,

nessuno sappia mai del nostro amore

del nostro amore.

DON NICOLA

O giorno fortunato!

Oh, che felicità!

Ah! Vicenzella mia pozz’ agliscià

pozz’ agliscià.

VICENZELLA

Che smania, che ardore,

io sento un gran focore,

Nicò, ma tu sei proprio un amatore

un amatore.

PULCINELLA

(gridando da fuori)

Uagliò arap’ a porta,

ij magg’ arr’t’rat,

st’amic’ a v’r’tà mann’ scucciat’

mann’ scucciat’.

ZEZA

(entrando preoccupata)

Madonna mia che uaij,

com’em’ arr’parà:

n’zipp’t sott’ i lett’ e n’n sciatà

e n’n sciatà.

DON NICOLA

Ma porca la miseria,

ma porca la marina,

potea rimaner nella cantina

nella cantina.

Or che tenea la mano

su quella celestrina,

arriva quest’emerito cretino,

ppu! Stu cretin’.

Pozza itta i’ sangu,

che pozza mo schiattà,

scusami Vicenzè,

m’aggia sfugà

m’aggia sfugà.

Si nasconde sotto il letto mentre Vicenzella esce.

Scena quinta

PULCINELLA

Zeza, muglier’amata,

m’ sent’ scusc’nat’

ma sta nuttata facc’una t’rata

una t’rata.

ZEZA

Dorm’ dò spaparanzat’,

Zeza toua sta ccà sc’tata,

nisciun t’ d’sturba

ent’a sta casa.

dent’ a sta casa

PULCINELLA

(si mette a letto mentre Zeza spegne la luce e lascia solo una candela accesa. Intanto Don Nicola fugge via ma Pulcinella si accorge di lui e grida verso la moglie)

Tu si ‘na busciardona,

‘na grand’ zucculona,

‘n’om annascus’ sott’ i’ lett’ steva

e che faceva?

ZEZA

Mala Pasqua che t’vatt’,

si tost’ com’ a sòla ,

chigl’ era i padruncin’ Donn’cola

Donn’cola.

PULCINELLA

E che uleva?

ZEZA

Uleva ess’ paiat’,

ringrazia V’c’nzella

s’ n’n vai aff’nì dent’ a na cella

dent’ a na cella.

PULCINELLA

Oh oh che m’ succed’,

mo mo vau n’galera,

annan’z acchessa m’pesa d’ mugliera

e che mugliera!

Scena sesta

entra Vicenzella, Zeza si rivolge a lei

ZEZA

T’ uogl’ fa scialà

cu cent’ nnammurat’,

cu princ’p, marches’ e cu gl’abbat’

e cu gl’abbat’.

VICENZELLA

Gnernò, mia cara mamma,

non voglio, no, scialare,

io solo Don Nicola voglio amare

io voglio amare.

Si chigl’ m’ uless’,

i mij spusarrìa,

e cchiu ‘nnanz a tàta n’n starrìa

i’ n’n starrìa

PULCINELLA

Mia cara Vic’nzella

hai pers’ l’ c’rvella

chigl’ è n’ scurnacchiat disgraziat

sì, scurnacchiat’!

VICENZELLA

No, no, no, no papà,

i’ chigl’ uogl’ amà:

si n’n m’i spos’ i’ vau a m’p’ccà

sì a m’p’ccà.

ZEZA

(affacciandosi fuori la porta)

Tras’ tras’ Donn’cola

dent’ a sta casa bella

t’ st’asp’ttenn’ansiosa V’c’nzella

V’c’nzella.

PULCINELLA

(a Don Nicola)

Che t’s’ miss’ n’ncap’,

vatten’ mò daccà

sta V’c’nzella mia n’haia tuccà

n’haia tuccà.

DON NICOLA

Qui sotto te lo metto

stu pezz’ e cacafocu

cu Don Nicola fai mal iocu

mal iocu.

PULCINELLA

Pietà, misericordia,

ij agg’ pazziat’

manneggia pur i iorn che so nat’

che so nat’.

VICENZELLA

Nicò, si m’uò ben’

n’n haia sparà a tata,

s’no i tengu’amment sta iurnata

sta iurnata.

Scena settima

MARESCIALLO

(entrando)

Cos’è questo baccano.

Ohè! I’ dic’a vuia:

vi porto tutti dentro in gattabuia

in gattabuia.

DON NICOLA

La colpa non è nostra,

egregio Maresciallo,

ma sol di questo scemo pappagallo

pappagallo.

MARESCIALLO

Cos’altro ha combinato

Quest’anima dannata,

questo cercopiteco disgraziato,

ah, disgraziato!

DON NICOLA

Non mi vuol dar la figlia,

la cara Vicenzella,

per me ancor più bella d’una stella

di una stella.

MARESCIALLO

Rispondi n’zallanut’,

rispondi, gran cornuto,

grande è questa sorte ch’ai avuto

che hai avuto.

Di dare Vicenzella

sposa a Don Nicola:

si aspetta solo ormai la tua parola

la tua parola.

PULCINELLA

Esimio cavaliere,

real carabiniere,

mannaggia a vita mia disgraziata,

disgraziata.

MARESCIALLO

(minacciando)

Se pensi d’imbrogliare

e di tergiversare,

al manicomio ti dovrò portare,

dovrò portare

PULCINELLA

Gnorsì, i’, so cuntent’

e dicu sta parola,

sta figlia mia donch’ a Donn’cola

a Donn’cola.

VICENZELLA

(abbracciando Don Nicola)

O grande amore mio,

o mia passione ardente,

uniamo il nostro amore immantinenti

immantinenti.

MARESCIALLO

Focosi giovincelli,

fermatevi un momento,

il matrimonio è certo un Sacramento,

un Sacramento.

ZEZA

Ij ciagg’ già p’nsat’,

trasit Don Pascà,

ca chessa figlia mia s’ uò spusà

s’ uò spusà.

DON PASQUALE

A tutti pace e bene,

carissimi fratelli,

ma soprattutto a te mia Vicenzella,

mia Vicenzella

Oh, come son contento,

perchè sto Pulcinella,

voleva farti star sempre zitella,

sempre zitella.

ZEZA

Che vita che destin’,

a fianch’ a stu cretin’

s’ sposa finalmente’ ‘a figlia mia,

‘a figlia mia.

DON PASQUALE

Zeza datti una calmata,

se la figlia vuoi sposata,

bisogna far processo e incartamenti,

incartamenti.

ZEZA

No, no, no, Don Pascà,

n’n m’ fa n’cazzà,

sta cosa lamp’ e scamp’ s’adda fa,

mo s’adda fa.

MARESCIALLO

Zeza mia cos’è stasera,

sembri proprio una chiazzera,

e offendi il nostro caro Don Pasquale,

Don Pasquale.

DON PASQUALE

Egregio Maresciallo,

Perdono il suo fallo,

per contentezza Zeza ha scantonato,

ha scantonato.

Orsù non t’agitare

Qualcosa si può fare

Promissio boni viri est obligatio

MARESCIALLO

(rimarcando)

Est obligatio!

PULCINELLA

Don Pascà i’ so gnurant’,

MARESCIALLO

Ignorante e un pò cretino,

perciò non può capir questo latino

TUTTI

Questo latino

VICENZELLA

Ma il mio Don Nicola,

sempre primo nella scuola,

lezione potrà dare a voi presenti,

a voi presenti.

DON NICOLA

O cari miei signori,

non credo che vi offendo,

se dico che ho capito il reverendo,

il reverendo.

A me ha voluto dire,

che l’uomo onorato,

alla promessa si sente obbligato,

MARESCIALLO

Sempre obbligato.

DON NICOLA

Perciò io sono pronto,

a fare la promessa,

se pure Vicenzella fa lo stesso,

MARESCIALLO

Assensus consortis!

VICENZELLA

Giacchè tutti contenti,

felici e sorridenti,

ZEZA

non resta che invitar tutti i presenti

tutti i presenti.

PULCINELLA

Via, datevi la mano,

puzzat’ gudè n’cocchia!

PULCINELLA

Ah! Ah! Cari signori,

n’n v’ n’zurat’ maij,

chè na mugliera porta semp’ uaij

semp’ uaij

DON PASQUALE

O uomo scostumato,

figlio scomunicato,

e tu da chi saresti nato?

TUTTI

Saresti nato!

MARESCIALLO

O grande farabutto,

rovini sempre tutto,

sei proprio di natura acerbo frutto.

TUTTI

Acerbo frutto

VOCE

Ma che cacch’ stet’ cumb’nenn’?

ha f’nuta o no sta storia?

TUTTI

Ha f’nuta, ha f’nuta

sta storia accussì bella,

e mo appiccia pur’a furnacella

e mitt’ ‘a tiella.

MARESCIALLO

Si po’ n’nt’è piaciuta,

che c’ putem’ fa,

Vattenn’ pur’ a fa… chell’ che aia fa

TUTTI

E vall’ a fà.

FINE